L’arte di saper “pensare agli altri”

Andare oltre etichette e semplificazioni

pensare agli altri
Il lavoro sociale è composto da realtà complesse. È comprensibile che ci sia chi vorrebbe semplificare. Operazione però molto rischiosa: può ridurre una realtà a caricatura. Più difficile, ma più utile, è cercare di capire senza ridurre tutto a categorie stereotipate.

Se il volontariato deve fare spettacolo

Come cambia l’aiuto nella società dell’immagine

volontariato
Creare personaggi mediatici. Che possano commuovere. E quindi portare la gente a donare. Ma queste commozioni possono creare davvero un tessuto solido di aiuto? Andrea Canevaro sostiene che l’aiuto che funziona, nel lungo periodo, è quello che si lega alla massima di Ho Chi Minh: “Non ti regalo un pesce, ma ti insegno a pescare”.

Chiedere aiuto per dire basta alla violenza

A chi può rivolgersi una donna vittima di violenza

violenza donne
Cinque assistenti sociali raccontano una storia, ispirata a fatti realmente accaduti. Dopo le domande e i timori iniziali, la sensazione di sentirsi accolta e capita. E la consapevolezza che è possibile ricostruire una vita. Felice. Senza violenza.

Imparare da Mandela

Saper essere vincenti imparando dalle sconfitte

CROP-iStock-523920947
Un operatore sociale, come ad esempio un educatore socio-pedagogico, può incontrare sconfitte nel suo lavoro. È altamente improbabile che non ne incontri. Se non assume l’atteggiamento di Mandela, convinto di vincere anche nelle sconfitte, perché questo gli permetteva di imparare, attribuirà le sconfitte agli altri. E così facendo non imparerà niente.

L’importanza della comunicazione nella relazione di aiuto

Come restituire la giusta importanza alla comunicazione nel lavoro quotidiano con bambini, ragazzi e famiglie

comunità
La questione della “relazione” e la sua importanza all’interno del Social Work, è un tema di centrale importanza a cui spesso però non viene riservata la giusta attenzione. In Inghilterra, per molti anni, sono stati studiati alcuni temi legati alle criticità dei processi comunicativi degli assistenti sociali, e sono stati evidenziati diversi errori che ostacolavano la relazione di aiuto, contribuendo allo sviluppo di burnout in alcuni operatori. Un articolo pubblicato sul British Journal of Social Work affronta questo tema delicato e centrale per la professione degli Assistenti Sociali nell’ambito della tutela dei minori.

Innovazioni nel Social Work con minori e famiglie

Come implementare nuove pratiche operative

manager
Introdurre nuove innovazioni nel campo del lavoro sociale è vista come una delle modalità possibili per rispondere ai bisogni emergenti, mirando a raggiungere risultati migliori per le persone. Questo è possibile attraverso l’interazione dinamica, complessa e reciproca di vari elementi tra cui l’utente, l’operatore, l’impostazione di un programma, le risorse e l’approccio pratico, tutti elementi che vanno a costituire il contesto organizzativo.Un articolo pubblicato sul British Journal of Social Work ha analizzato i modi in cui le organizzazioni sostengono o impediscono l'implementazione di pratiche innovative di lavoro sociale.

Ustionati sopravvissuti e forme di sostegno possibili

L’esperienza di aiuto tra pari della Phoenix Society

mediazione
L’importanza e l’efficacia del supporto tra pari, tra persone che condividono la medesima esperienza, è un dato ormai condiviso. Uno studio condotto dall’associazione "Phoenix Society", la più grande associazione degli Stati Uniti per il supporto di persone ustionate, ha indagato questa modalità di sostegno in questo particolare ambito.

L’isola norvegese, il ragno e la rete

Alla scoperta delle origini di un concetto sempre più utilizzato

rete
Si parla sempre più spesso di rete. Di interazione e relazione. Ecco un viaggio nel concetto di rete, dall’idea di rete sociale, alle reti neurali, passando per l’abilità di un esperto di reti: il ragno. Per capire che “i sistemi sono oggetti più o meno complicati, ma in essi sono sempre riconoscibili elementi diversi fra loro e in interazione l’uno con gli altri”.

La Giornata Mondiale del Social Work

L'obiettivo è promuovere comunità e sostenibilità ambientale

giornata mondiale social work
Il World Social Work Day si celebra anche quest'anno, mettendo al centro due parole chiave: comunità e ambiente. Con la convinzione che gli operatori sociali possano dare un importante contributo per costruire una società migliore, più inclusiva e sostenibile. Partendo da un impegno quotidiano.

I servizi di mentoring per combattere la marginalità sociale

Un'esperienza a Manchester

ottimismo
L’aiuto tra pari è una delle forme di sostegno più potenti nel lavoro sociale. In alcuni paesi, come Stati Uniti e Inghilterra, è diventata una pratica formalizzata che ha consentito la nascita di veri e propri servizi, rivolti soprattutto alle fasce di popolazione più marginalizzate. Un articolo pubblicato sul British Journal of Social Work affronta questo tema alla luce di una particolare esperienza realizzata a Manchester.
×