Il contenimento sociale

Riflessione su un tema di forte attualità

contenimento
Il termine “contenimento” fa pensare a una costrizione. Negli anni Settanta ci sono state leggi che dovevano sviluppare un’altra idea di “contenimento”. Ma per varie ragioni il contenimento diventa sociale: affettivo, emotivo, fatto di rituali collettivi. Ma gli educatori sociali possono individuare, valorizzare, promuovere ed organizzare i vecchi e i nuovi contenimenti.

Imparare ad ascoltare (davvero)

Come abbandonare rassicurazione e orientamento

validation
La testimonianza di Anna conferma di quanto sia utile imparare ad ascoltare e inserire nella propria comunicazione spontanea tecniche specifiche a favore della demenza. Per il benessere di tutti.

Il bosco degli Stradivari

Cosa possiamo imparare dalla storia degli alberi distrutti

alberi
La distruzione avviene in poco tempo. La rinascita esige molto tempo. È simile per il lavoro sociale. Distruzione rapida. Costruzione lenta. Che può partire dalle piccole cose: come offrire un caffè o un succo di frutta, abitudine in voga nella ex Jugoslavia…

Fare un tratto di strada con chi “scappa”

Come gli educatori possono favorire la resilienza

resilienza
Le situazioni di aiuto intervengono con persone che hanno vissuto un trauma. Il primo risultato da cercare di raggiungere per chi si occupa di educazione è che nessuno venga schiacciato, oppresso. Essere come una guida indiana che accompagna silenziosa…

Perché trattiamo gli anziani fragili come bambini?

Evitare atteggiamenti sbagliati con le persone con demenza

anziani fragili
Non lo facciamo mai con cattiveria, ma spesso ci capita di sgridare, parlare di loro come se non ci fossero, non rispondere perché tanto non capiscono, non avvisare… Nella quotidianità sono molti i modi poco gentili che “ci scappano” con le persone anziane con demenza, ma che possono ferire e fare male. Per evitarle sono importanti attenzione e rispetto.

I giusti confini del volontariato

I significati di un’azione gratuita, disinteressata, altruista

alberi
Il volontariato ha una grande importanza nel dare senso positivo alla politica, nell’ottica di impegno civile, cittadinanza attiva, capacità di stare dentro ai problemi. Inoltre il volontariato non può essere mai sostituzione, non può essere mai fare al posto di strutture, di professionisti, di istituzioni, ma deve essere complementare.

Gioco d’azzardo, basta pubblicità

Una misura doverosa che arriva in ritardo

gioco d'azzardo
L’Italia, negli ultimi anni, è stata colpita da uno tsunami di gioco d’azzardo, con il suo lascito di costi e sofferenze. Adesso arriva il divieto per la pubblicità: una misura giusta e importante – spiega l’esperto Mauro Croce - per segnalare come dietro una facile vincita vi siano molte sofferenze. Non è il caso di incentivare una pratica che può condurre ad autentici casi di dipendenza patologica.

Migranti, dov’è finita l’umanità?

La riflessione di un gruppo di insegnanti

migranti
Come possono gli educatori trasmettere valori di rispetto dei diritti umani, ricordando le atrocità del recente passato, in una società dove dilaga sempre più una cultura disumanizzante? Se lo chiede un gruppo di docenti del Liceo Artistico Caravaggio di Milano. Che riflette su quanto stia accadendo in questi mesi nel Mediterraneo, nel nostro Paese, in Europa…

L’identità delle seconde generazioni

I nuovi italiani troppo spesso ai margini

seconde generazioni
Le migrazioni internazionali sono fenomeni dinamici, in continua evoluzione. L’Italia, che è stato Paese d’emigrazione, dalla fine degli anni Ottanta ha iniziato a trasformarsi in luogo di accoglienza. Inizialmente l’immigrazione aveva carattere di temporaneità: generalmente un uomo adulto, solo, emigrava per motivi economici e, una volta raggiunto il proprio obiettivo attraverso il lavoro prestato in Italia, rientrava presso il Paese d’origine. Con il passaggio all’immigrazione “di popolamento”, cioè con l’arrivo di interi nuclei familiari aventi come progetto il radicamento nel nuovo contesto, la società contemporanea è rapidamente mutata. E si pone la questione forte delle seconde generazioni.
×