Le cure genitoriali: il metro di giudizio degli assistenti sociali

Brigitte Daniel

La ricerca presentata in questo articolo analizza le opinioni degli assistenti sociali riguardo a cosa si debba intendere per cure genitoriali sufficientemente buone e il rapporto esistente fra tali opinioni e le decisioni riguardo all’assistenza e alla protezione dei minori. Utilizzando la metodologia del Q-sort, vengono presi in esame i punti di vista di un gruppo di assistenti sociali. Ne emergono otto differenti filoni d’opinione, tre dei quali vengono analizzati nel dettaglio. Risulta una marcata correlazione fra le idee sulle caratteristiche di una famiglia adeguata e le opinioni relative ai processi decisionali messi in atto nei servizi. Comunque, vari fattori dimostrano anche significative differenze nei punti di vista relativi agli aspetti cui bisognerebbe dare priorità nel valutare le capacità genitoriali.


Full text (PDF)

×